WINGLESS POETRY


 
HomePortalGalleryFAQSearchMemberlistUsergroupsRegisterLog in

Share | 
 

 _aforismi_

Go down 
AuthorMessage
Stefania
Admin


Posts : 123
Join date : 2008-03-24
Location : Campania (Italy)

PostSubject: _aforismi_   Fri Apr 18, 2008 7:40 pm

La felicità è la pietra di paragone del carattere, è la sua
parola di approvazione. Quando siamo felici, siamo sempre buoni,
ma quando siamo buoni non siamo sempre felici.

Ciò che più compromette la vita dal punto di vista
artistico è ciò che le impartisce la sua sordida sicurezza -
l'impossibilità che una emozione possa replicarsi con precisione.

Si insegna alle persone come ricordare; non s'insegna mai loro come
svilupparsi.

Oggigiorno prevale l'uso volgare di chiedere ad uno
che ha dato una idea, se ha detto sul serio. Non vi è nulla
di serio al di fuori della passione. L'intelletto non è cosa
seria e non lo è mai stato. è uno strumento sul quale si
suona, ecco tutto. L'unico intelletto serio ch'io conosca e
l'intelletto inglese, e sull'intelletto inglese gli incolti
battono sempre la grancassa.

è assurdo classificare la gente in buona e cattiva. Vi è gente piacevole,
e la gente noiosa.

Soltanto il moderno può diventare fuori moda.

Solo i Filistei provano a stimare il valore di una
personalità alla stregua volgare della produzione.

La gente che ama la musica è assurdamente irragionevole. Vorrebbe
sempre che si fosse perfettamente muti proprio quando si bramerebbe
essere assolutamente sordi.

Non vi è maggior pericolo che quello di essere troppo
moderni. Si corre il rischio di diventare da un momento
all'altro un uomo fuori moda.

Il fatto che un uomo possa essere un avvelenatore,
non invalida per niente il valore della sua prosa. L'arte
non si basa sulle virtù domestiche.

Per il filosofo la donna rappresenta il trionfo della
materia sullo spirito, proprio come l'uomo rappresenta
il trionfo dell'intelletto sulla morale.

L'unico modo per una donna di riformare un uomo è quello di tediarlo a
tal punto che egli perda ogni interesse alla vita.

Non vi è che una sola cosa orrida al mondo, il tedio. Ecco il peccato
che non trova perdono.

Non posso tollerare le canzoni francesi. I più fingono di crederle sempre
immorali, e, o si dànno un'aria compunta, ciò che è volgare, o ridono,
ciò che è peggio.

Si rimprovera spesso agli artisti e ai letterati che il
loro spirito manchi di universalità. Questo è necessariamente
vero come regola. Quella stessa concentrazione, quella unità
di scopo che contrassegna il temperamento artistico è una limitazione.
Chi è preoccupato della bellezza formale attribuisce una importanza
molto relativa a ogni altra manifestazione del pensiero.

L'opera d'arte deve signoreggiare lo spettatore. Non sta allo spettatore
signoreggiare l'opera d'arte.

Si dovrebbe godere della gioia, della bellezza, del colore, della vita.
Quanto meno si parla delle piaghe della vita tanto meglio è.

Non si può per legge di parlamento rendere la gente morale - ed è
già qualche cosa.

L'arte crea un effetto incomparabile ed unico, e ciò fatto passa oltre.
D'altra parte, la natura, dimenticando che l'imitazione può diventare
la forma più sincera dell'ingiuria, continua a ripetere quel tale effetto
fin tanto che ne siamo assolutamente nauseati.

è mostruoso l'uso che hanno le persone andando a passeggio:
oggigiorno si dicono di noi, alle nostre spalle, cose assolutamente vere.

Il vero artista non si preoccupa menomamente del pubblico. Per lui
il pubblico non esiste.

Diffidate di una donna che vi dice la sua vera età. Una donna che
vi dirà ciò, vi dirà tutto.

Non vi è nulla di più irritante che la calma. Vi è qualche cosa di
assolutamente brutale nel buon umore della maggioranza degli uomini
moderni. Mi fa meraviglia che noialtre donne lo tolleriamo con tanta
buona grazia.

La verità è una cosa della quale mi libero il più presto
possibile. Ed ecco una cattiva abitudine che mi merita
l'impopolarità al circolo... almeno con i Soci più attempati.
La qualificano per vanità. Lo sarà, forse.

Gli affari miei mi annoiano sempre mortalmente. Preferisco
quelli degli altri.

Non sperdetevi nei labirinti della virtù. Ecco il grande difetto delle
donne. Desiderano sempre vederci virtuosi. Ma se lo siamo quando fanno
la nostra conoscenza non piacciamo loro affatto. Piace loro trovarci
irrimediabilmente cattivi, e lasciarci intollerabilmente buoni.

Gli uomini sono tanto vili. Oltraggiano tutte le leggi del mondo ed
hanno paura della sua lingua.

Le donne perverse ci tormentano. Le donne buone ci annoiano. Ecco tutta
la differenza fra di esse.

Conoscere i principi dell'arte suprema vuol dire conoscere i principi
di tutte le arti.

Non credo all'esistenza di donne puritane. Credo che non vi sia una
donna al mondo che non sarebbe un tantino lusingata se le si facesse
la corte. Ecco il fascino irresistibile della donna.

Quando sono in pena, il mangiare è l'unica mia consolazione. Anzi, i miei
intimi sanno che quando sono veramente addolorato rifiuto tutto,
salvo i cibi.

Quando si intende condurre una vita nuova occorrono pasti regolari e sani.

L'anima nasce vecchia e diventa giovane. Ecco la commedia della vita.
Il corpo nasce giovane e diventa vecchio. Ecco la tragedia dell'anima.

Si può sopravvivere a tutto, oggigiorno, salvo alla
morte, e farsi perdonare tutto, salvo una buona reputazione.

Il passato non importa. Il presente non importa. è
l'avvenire che ci riguarda. Il passato è ciò che gli uomini
avrebbero dovuto non essere. Il presente è quello che gli
uomini non dovrebbero essere. L'avvenire sarà ciò che gli artisti sono.

Gli uomini invecchiano, ma non migliorano.

Un celibe impenitente diventa una tentazione pubblica permanente.
I celibi dovrebbero essere più cauti: questo stesso loro celibato
fa fuorviare i più deboli.

Credo che nella vita pratica si possa ottenere un vero
successo, purché sia senza scrupoli; l'ambizione è sempre priva di scrupoli.

L'ambizioso deve sempre lottare contro la sua epoca con le armi proprie
a quell'epoca. La nostra epoca ha il culto della ricchezza. Il dio di
questo secolo è l'oro. Per riuscire occorre la ricchezza. Ad ogni costo
bisogna essere ricchi.

Mi diletto degli scandali che riguardano gli altri, ma
gli scandali che mi riguardano non hanno interesse per me.
Non hanno il fascino della novità.

La moderazione è cosa fatale. Il sufficiente è antipatico quanto un pasto.
Il sovrabbondante è buono quanto un banchetto.

Gl'Inglesi non tollerano chi dichiara continuamente
di avere ragione, ma riesce loro molto simpatico chi conviene di
essersi sbagliato. Questa è una delle loro più belle qualità.

La vita non è altro che un brutto quarto d'ora composto di momenti squisiti.

Vi è un unico mondo per tutti; i buoni ed i cattivi, il peccato e
l'innocenza lo traversano mano nella mano.
Volere ignorare una metà della vita per trascorrere una
vita sicura, sarebbe come accecarsi per camminare con
maggior sicurezza in un terreno accidentato, sparso di
fosse e di precipizi.

Gli uomini ammogliati sono terribilmente noiosi quando sono buoni mariti,
e abominevolmente fatui quando non lo sono.

Non vi può essere amicizia fra l'uomo e la donna. Vi può essere la
passione, l'ostilità, l'adorazione, l'amore, ma non l'amicizia.

Oggigiorno tutti hanno spirito. Dovunque si va, non si può fare a meno
di incontrare persone intelligenti. è divenuta una vera peste.

Non credo che l'uomo abbia grandi possibilità di sviluppo. Egli è arrivato
fin dove può, cioè a dire, se non erro, poco lontano.

Non sono certo di ben sapere cosa sia il pessimismo.
So soltanto che la vita non può essere intesa senza molta
indulgenza, né può essere vissuta senza molta pazienza.
La spiegazione di questo mondo è data dall'amore, e non
dalla filosofia tedesca, qualunque sia l'opinione che si
possa avere sul mondo di là.

Disapprovo tutto ciò che offusca l'ignoranza naturale.
L'ignoranza è simile a un delicato frutto esotico; toccatelo
e la sua freschezza è sfiorita.

Tutta la teoria sulla quale si basa l'istruzione moderna
è radicalmente errata. Fortunatamente, almeno in Inghilterra,
l'effetto dell'istruzione è assolutamente negativo. Se così non
fosse, esso sarebbe un serio pericolo per le classi elevate, e
probabilmente porterebbe ad atti di violenza a Grosvernor Square.

Una donna non deve mai precisare la sua età, se non vuol sembrare
una intrigante.

L'emozione per l'emozione è il fine dell'arte; e l'emozione per
l'emozione è il fine della vita, e di quella organizzazione della
vita a scopi pratici che si chiama società.

Gli uomini della più alta moralità sono suscettibilissimi all'influenza
del fascino fisico degli altri. La storia moderna, non meno di quella
antica, ce ne offre gli esempi più evidenti. Se così non fosse la storia
sarebbe veramente illeggibile.

Sono contrario ai lunghi fidanzamenti. Permettono gli sposi di
conoscere il rispettivo carattere prima del iatrimonio, cosa che
non stimo mai desiderabile.

è terribile per un uomo scoprire improvvisamente
che in tutta la vita non ha mai detto altro che la verità.

I due difetti della nostra età sono la mancanza di principi e
la mancanza di profilo.

Trentacinque anni è un'età molto attraente.

La società londinese conta a migliaia le donne rimaste d'arbitrio
loro all'età di trentacinque anni.

Non parlate mai con disprezzo della società. Così fanno soltanto
coloro cui non riesce farne parte.

è sempre doloroso dividersi da persone che conosciamo da poco tempo.
Si può sopportare con serenità l'assenza dei vecchi amici. Ma una
separazione, anche momentanea, da uno che ci è stato recentemente
presentato, riesce quasi insopportabile.

Chi è naturale è ovvio, e chi è ovvio manca di arte.

Viene la voglia di definire l'uomo come un essere
ragionevole che si indispettisce tutte le volte che gli è
imposto di agire a seconda dei dettami della ragione.

Lo sviluppo è l'assenza del pensiero come è l'essenza della vita.

Quello che qualifichiamo per insincerità non è altro
che un metodo col quale uno riesce a moltiplicare la
propria personalità.

In un tempio tutti dovrebbero essere seri, salvo l'oggetto del culto.

Non si è mai tanto sinceri come quando si è incoerenti.

Noi rileviamo sempre qualche cosa di ridicolo nelle emozioni delle
persone che abbiamo cessato di amare.

Le generalizzazioni intellettuali sono sempre interessanti, ma le
generalizzazioni in fatto di morale sono prive di ogni significato.

è semplicemente noioso essere in società; ma è semplicemente
tragico esserne esclusi.

In questa nostra epoca non vi è altro di necessario che il superfluo.

Non bisogna mai debuttare con uno scandalo. Lo scandalo dev'essere
tenuto in riserva per rendere interessante la vecchiaia.

In verità l'uomo non ricerca né il piacere né il dolore, ma semplicemente
la vita. L'uomo cerca di vivere intensamente, completamente, perfettamente.
Quando potrà farlo senza ledere la libertà altrui e senza esserne
mai leso, quando le sue attività tutte gli frutteranno
soddisfazioni, egli sarà più sano, più normale, più civile,
più se stesso. La felicità è il criterio col quale l'uomo
giudica la natura, è in armonia con se stesso e col suo ambiente.

La società perdona spesso al delinquente, non perdona mai al sognatore.

è tanto facile avere simpatia per la sofferenza. E tanto difficile
avere simpatia per il pensiero.

La conversazione dovrebbe sfiorare tutto, senza concentrarsi su niente.

Vi è un lusso nell'auto-biasimo. Quando ci facciamo
dei rimproveri ci pare che nessuno abbia il diritto di rimproverarci.
è la confessione e non il sacerdote che ci dà l'assoluzione.

Vi sono due tipi veramente affascinanti: coloro che sanno tutto,
e coloro che ignorano tutto.

Il pubblico è meravigliosamente indulgente; perdona a tutti, salvo al genio.

La vita ci fa pagare troppo care le sue merci, ed acquistiamo il più
meschino dei suoi segreti a un prezzo mostruoso ed infinito.

Quell'orribile Camera ci rovina i mariti. A giudizio mio la Camera Bassa
ha inflitto la più grave ferita che sia stata data alla felicità coniugale,
da poi che fu inventata quella cosa terribile che si chiama l'istruzione
superiore della donna.

L'uomo che comincia a trascurare i propri doveri domestici diventa
terribilmente effeminato, nevvero? E ciò mi dispiace. Rende gli
uomini tanto attraenti.

L'esperienza è il risultato di un istinto per la vita. Quello che è
vero dell'arte è vero della vita.

è sempre facile essere gentile con le persone che ci sono indifferenti.

Mi piacciono gli uomini che hanno un avvenire e le donne che hanno
un passato.

Le donne, secondo il detto di un Francese di spirito, ci
ispirano il desiderio di compiere i capolavori, e ci impediscono
sempre di eseguirli.

Nelle questioni di grave importanza, l'essenziale è lo stile,
non la sincerità.

Con la donna, la vera tattica è di farle la corte se è graziosa, e
di farla a un'altra se è brutta.

Le donne donano all'uomo il vero oro della loro vita. Sarà; ma esse lo
rivogliono sempre in spiccioli di così basso conio.

La definizione del sesso femminile? Una sfinge senza segreti.



Non vi è segreto della vita. Lo scopo della vita, se ne ha uno,
consiste semplicemente nella ricerca continua delle tentazioni.
Non ve ne sono abbastanza; mi accade talvolta di trascorrere una
intera giornata senza imbattermi in una sola tentazione.
è veramente spaventoso. Fa tanto temere per l'avvenire.
Back to top Go down
View user profile http://cid-a418b73c4262d354.spaces.live.com/
 
_aforismi_
Back to top 
Page 1 of 1

Permissions in this forum:You cannot reply to topics in this forum
WINGLESS POETRY :: poem :: Oscar Wilde-
Jump to: